303305 Views
ÔĽŅ

L'immenso patrimonio del Bollettino FIMF di articoli per l'autocostruzione
rivisitato e aggiornato dove necessario.

E l'altrettanto immenso patrimonio di esperienza dei nostri Soci !


Chi vuole collaborare si faccia avanti !

 

Partiamo con una serie di video realizzati dal Maestro Modellista Carlo Mercuri

 

 

 

Breve filmato che mostra per immagini come ho motorizzato il 245 Lineamodel in kit!
Un trapianto di meccanica industriale Kato, nel telaio metallico del modello fotoinciso. Negli assali cavi della motorizzazione Kato ho inserito quelli Roco, ottenendo così anche ruote già perfettamente brunite ed un funzionamento dolce e regolare. Gli assali Roco, con isolamento unilaterale mi hanno permesso di avere solo tre linguette che contattano sulle ruote,mentre le altre tre captano dalle boccole in ottone che ho saldato sul telaio. Il resto lo potrete desumere con le immagini...

Il video mostra alcune fasi salienti della costruzione e motorizzazione della E.626 in lastrina fotoincisa.

 

Ricostruzione del locomotore BR 261 Rivarossi in scala N.
La storia della Br 261 è sicuramente da raccontare.
E' stato uno dei miei primi locomotori in scala N. Quando mi si è bruciato il motore (una trentina di anni fa) ho conservato alcune parti, tra le quali le ruote e le bielle, ed ho cannibalizzato tutto il resto. Con gli anni la sua presenza è cominciata a mancarmi e, grazie all'opportunità che offre la rete, sono riuscito a trovare un'altra Br 261 a prezzo di rottame da cui recuperare i pezzi mancanti per la mia. Non è stato facile ma alla fine ci sono riuscito e questo filmato mostra la nuova vita della mia vecchia e cara Br 261.

 

Video della costruzione del plastico di Vignano in scala N.

E.424 Lima: come rimotorizzarla.

 

Sicuramente moltissimi ennisti, se non tutti, possiedono una o pi√Ļ E424 Lima (con trasmissione a giunto cardanico) nel cassetto.

 

 

Il problema maggiore di questo modello risiede nel motore a tre poli, poco brillante e dotato di scarsa potenza.

Inoltre le ultime vicissitudini della Lima ne rendono difficile, se non impossibile, il reperimento come ricambio. La meccanica, invece, √® dotata di vite senza fine e ruote dentate in ottone, che rendono questa parte, cos√¨ importante per la ‚Äúdurata‚ÄĚ del locomotore, veramente indistruttibile!!

√ą uno dei locomotori FS che uso di pi√Ļ sul plastico, in tutte e due le versioni, castano - isabella e navetta e non ho mai avuto problemi di funzionamento di tipo meccanico.

Bene, con i pochi accorgimenti, alla portata veramente di tutti, che vi indicherò e, grazie al nuovo potente motore, la vostra E.424, vi assicuro, sarà veramente super!

Cominciamo subito con l'eliminare il motore originale e la sella di plastica nera che lo sostiene.

Il perno della vite senza fine che fuoriesce dal castello della trasmissione sarà privato del fondello plastico dove si innestava il pezzo in arrivo dal motore.

 

 

Prendiamo ora il nuovo motore. Dovremo limare le due zone laterali di telaio ai suoi lati, essendo leggermente pi√Ļ largo.

Noterete, come si vede anche dalle foto, che esso, poggiato in piano sul telaio, ha il perno non allineato a quello della trasmissione essendo pi√Ļ alto del motore originale. Nessun problema! Innanzitutto taglieremo con un disco abrasivo una parte del perno del motore cd, lasciando sporgere solo una lunghezza di 3 ‚Äď 4 mm, che renderemo "ruvida" con carta abrasiva a grana grossa.

Per risolvere il problema dell'allineamento a cui accennavo prima, monteremo il motore leggermente inclinato, invece che piatto come in origine. La foto vi aiuterà a capire questo elementare ma efficacissimo espediente.

 

 

Ovviamente, prima di fissare il motore (io ho usato il Pattex Extreme che incolla tenacemente, rimane gommoso e quindi insonorizza e, all'occorrenza, può essere rimosso) useremo un tubicino siliconico morbido (io ho utilizzato un comunissimo tubicino per flebo) inserito tra il perno del motore e il perno zigrinato della vite senza fine, di un diametro interno tale da serrarli bene entrambi  e consentendoci così di non usare colle bloccanti.

 

 

Questo tipo di motore, inoltre, pesa molto di pi√Ļ di quello originale, quasi il doppio, e contribuisce a mantenere abbastanza basso il baricentro.

Accorceremo anche le linguette delle prese di corrente provenienti dal carrello folle che potrebbero, ruotando, avvicinarsi troppo ai contatti del motore e le doteremo di cavetti, avvolti a spirale su una mini punta di trapano.

In questa forma i cavetti (con anima rigida) tenderanno a riportare sempre in posizione dritta il carrello dopo le curve e diminuiranno la rigidità che si sarebbe creata se avessimo saldato i fili in maniera classica.

 

 

Ad ognuno dei cavetti a spirale, provenienti dal carrello folle, salderemo le bobine in serie, che io ho posto, per motivi di spazio, sulla zavorra da me creata e isolandole da eventuali pericolosi corto circuiti annegandole completamente nel Pattex Extreme (la bobina è quel componente che serve ad attenuare lo scintillio ruota-rotaia responsabile della fastidiosa patina dannosa per la captazione, quindi non eliminatele assolutamente!).

I cavetti in uscita dalle bobine andranno saldati al motore.

Abbiamo così una E.424 con un motore praticamente indistruttibile, strapotente, silenziosissima, talmente esuberante che è necessario creare una adeguata zavorra che le eviti di "decollare". A questo scopo mi sono tornate utili delle barrette di stagno per la saldatura di tubi in rame, facilmente reperibili in qualunque ferramenta e che sono facili da tagliare e limare, si possono appiattire con il martello e si incollano anche con Attack. Con queste barrette ho costruito le zavorre che si vedono nelle foto, sulle cui dimensioni non mi dilungo essendo facilmente deducibili.

Potete notare, dalla foto, che questa zavorra si può rimuovere per intervenire sulla parte meccanica, per ingrassaggi, manutenzione, ecc.

Ho appesantito anche la parte del telaio sul carrello folle per equilibrare l'assetto e migliorare la captazione della corrente che ne trae giovamento.

 

 

La parte pi√Ļ difficile √® finita.

Come avrete notato dalle foto ci sono delle basettine di polistirene con le lampadine e i diodi per l'inversione delle luci; chi lo volesse potrà facilmente operare anche questa modifica, prendendo spunto dalle immagini, visto che il circuito è ormai noto a tutti.

 

 

Prossimamente mostrer√≤ come elaborare la cassa di questo fantastico locomotore, rendendolo un pochino pi√Ļ attuale.

 

Le schede verranno successivamente archiviate per tipologia

 

 

Informazioni / segnalazioni

Contatto Diretto

Se vuoi un contatto piu' diretto con i Consiglieri puoi usare questi indirizzi .

 

Iscriviti alla Newsletter FIMF

Vai all'inizio della pagina